Politica

Ruanda

Il capo della Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite loda l’abolizione della pena di morte in Ruanda

UN News Centre, 27 luglio 2007
(libera traduzione di Elena Gaita)

Oggi (27/07/2007), l’alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Louise Arbour, ha acclamato l’abolizione della pena di morte in Ruanda, affermando che questa decisione da parte di un paese, che ha subito un genocidio, rappresenta un esempio da seguire per fare giustizia ripudiando allo stesso tempo la violenza in ogni sua forma.

Per una moratoria delle esecuzioni

Al Ministro Massimo D’Alema e al Movimento Abolizionista.

Per una moratoria delle esecuzioni.

29 giugno 2007
Furman Day

Per prima cosa, se dovessi preoccuparmi di ottenere una richiesta di moratoria delle esecuzioni da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, getterei i radicali di Nessuno tocchi Caino in pasto agli squali.
Poi chiederei aiuto e consiglio ai molti abolizionisti che hanno corpose bibliografie alle spalle: Hood, Prokosch, Schabas, Hodgkinson, Bedau, Dieter, Sarat, Rodley, Neumayer, (scusate se non li cito tutti).

19 luglio 1992

Lettera aperta ai media
Salvatore Borsellino

Per anni, dopo l’estate del 1992 sono stato in tante scuole d’Italia a parlare del sogno di Paolo e Giovanni, a parlare di speranza, di volontà di lottare, di quell’alba che vedevo vicina grazie alla rinascita della coscienza civile dopo il loro sacrificio, dopo la lunga notte di stragi senza colpevoli e della interminabile serie di assassini di magistrati, poliziotti e giornalisti indegna di un paese cosiddetto civile.

Le speranze di Israele

di Ettore Masina

Lettera n. 123

Noi vecchi siamo testimoni della storia e, in quanto tali, scomodissimi a noi stessi. Se apriamo un libro che racconta il passato, piuttosto che osservare i segni delle parole, risentiamo voci, odori, emozioni; e così quando, benché svegli,chiudiamo gli occhi, a fantasticare, come se fossimo sazi di realtà… …

Un cagnolino bene ammaestrato

14 luglio 2007
14 luglio 1976
Il Canada abolisce la pena di morte.

A sentire certa gente il Movimento Abolizionista dovrebbe essere un cagnetto bene educato che scodinzola a comando. Secondo alcuni recenti commenti chi è contro la pena di morte avrebbe il dovere di commentare ogni condanna a morte e dovrebbe passare il tempo a stigmatizzare ogni notizia di esecuzione. In pratica dovremmo essere come un cagnolino ammaestrato.

Questi rimproveri arrivano da gente che non ci prende minimamente in considerazione. Gente che non ha mai pubblicizzato le nostre campagne: non ha mai pubblicato le nostre lettere, le nostre denuncie e i nostri documenti. Gente che se-ne-stra-frega della pena di morte e delle azioni fatte PRIMA delle esecuzioni. Gente che non ci ha mai aiutato.

Non sono solito essere tenero con il Movimento Abolizionista e le sue mancanze e non ho mai avuto problemi nel dire quello che penso di certe persone e organizzazioni, ma sentire i giornalisti italiani che ci accusano per non avere fatto qualcosa supera di gran lunga le mie, già scarse, capacità di sopportazione.