Feed
· Post
· Commenti

11 aprile 2009 The common-law system is inherently messy Lawrence M. Friedman Il sistema giudiziario americano è diviso in tre parti La prima divisione riguarda quella fra sistema giudiziario federale e statale. Il primo si occupa, con molte duplicazioni e sovrapposizioni, di reati federali (droga, immigrazione illegale, frode postale, uccisione del presidente, ecc.), o commessi […]

Leggi l'articolo completo »

Forlì, 9 febbraio 2009 Viva la Repubblica Romana! Larry Swearingen potrebbe essere innocente, ma per salvarsi deve dimostrare che Melissa Trotter, la donna per il cui omicidio è finito nel braccio, non è stata uccisa l’otto dicembre 1998, giorno della sua scomparsa, ma dopo il 10, poiché lui (come Alan Gell anni fa) avrebbe un […]

Leggi l'articolo completo »

28 novembre 2008 28 novembre 1888 la Camera approva il Codice Zanardelli In memoria di Michael Mello (1945 – 2008) La teoria della deterrenza della pena di morte è semplice: la gente ha paura di morire e non commette certi crimini, o ne commette molti meno, se questi sono passibili di pena capitale. La scomparsa […]

Leggi l'articolo completo »

Un’analisi quantitativa in occasione della Giornata Mondiale contro la pena di morte Premessa Negli Stati Uniti non c’e’ pena capitale, ma una serie limitata di sacrifici umani, di omicidi rituali, atti a rassicurare una popolazione spaventata dalla sua stessa violenza. Solo una parte molto piccola degli omicidi di primo grado arriva nelle aule giudiziarie e, […]

Leggi l'articolo completo »

(libera traduzione a cura COALIT) Ciò che l’America fa nelle proprie prigioni in linea di massima e’ affar proprio, ma non sempre. Come questo mese, quando a Jose Medellin, cittadino messicano condannato a morte per lo stupro di gruppo e l’omicidio di due adolescenti avvenuti 15 anni fa a Houston, e’ stata somministrata un’iniezione letale […]

Leggi l'articolo completo »

Successivo »